Categorie

Gli animali aiutano lo sviluppo immunitario dei bambini: lo dice la scienza

animali e bambini

 

Dal secolo scorso, in particolare negli ultimi decenni, c’è stato un forte aumento dei livelli di allergie, asma e disturbi autoimmuni. Ciò che è interessante è che l’analisi statistica mostra che in genere queste condizioni sono più frequenti nei paesi sviluppati che nei paesi in via di sviluppo, e quando le famiglie migrano da un paese in via di sviluppo con un tasso di incidenza basso ad uno sviluppato con un alto tasso di incidenza, ci vuole solo una generazione per ritrovare le stesse condizioni che si riscontrano nelle città.

Un recente studio dell’Università della Finlandia orientale suggerisce che l’esposizione ad animali  nella prima infanzia può svolgere un ruolo importante nello sviluppo di un sistema immunitario del bambino, specificatamente per quanto riguarda il ruolo delle cellule dendritiche e la produzione di citochine. Le cellule dendritiche, (cellule del sistema immunitario specializzate nella presentazione di antigeni ai linfociti per l’innesco della risposta immunitaria) attraverso questo meccanismo regolano le citochine (proteine ​​messaggero) di produzione adattiva in risposta del sistema immunitario, e sono essenziali per la creazione di una memoria immunologica.

Molti studi hanno rilevato che i bambini che crescono con gli animali, hanno meno probabilità di sviluppare malattie atopiche d’infanzia (come l’asma e l’eczema). Tuttavia, anche se un rapporto chiaro era stato trovato tra il crescere in una fattoria e lo sviluppo di un sistema immunitario sano, il legame meccanicistico tra i due non era ancora ben chiaro. Questo studio ha cercato di comprenderne il collegamento.

Heidi Kaario, MSc, nella sua tesi di dottorato, ha esaminato sia animali da fattoria, sia animali domestici (cani e gatti, ecc), la loro esposizione influenza le proprietà fenotipiche e funzionali delle cellule dendrictiche con produzione di citochine nel periferico, cellule mononucleate del sangue di bambini all’età di 4/5 anni in una sottopopolazione di uno studio più ampio, noto come studio finlandese di coorte PASCOLO. La metà dei bambini nello studio provenivano da famiglie contadine e l’altra metà provenivano da ambienti rurali, famiglie non agricole.

Le cellule mononucleate del sangue dei bambini cresciuti in fattoria producono più citochine, non-allergici Th1-associati e normativi (non infiammatori) rispetto agli altri bambini, cresciuti in un ambiente cittadino. L’implicazione è che avvicinare i bambini agli animali, ha come risultato una ottimale regolazione del sistema immunitario, rendendo i loro corpi meno predisposti alle reazioni degli allergeni. Questi bambini risultano oltretutto immuni alle infiammazioni croniche, risposta immunitaria inappropriata o esagerata, e allo sviluppo di patologie autoimmuni.

Anche se questo studio ci porta un passo più vicino alla comprensione dei complessi meccanismi coinvolti nello sviluppo del nostro sistema immunitario, esso rafforza anche l’idea che il nostro concetto di igiene, non sia corretto e che la natura, potrebbe essere la strada verso la soluzione.

La teoria dei germi
Nel 1846 un medico ungherese di nome Ignaz Semmelweis ha notato che se i medici si lavavano le mani prima di far nascere i bambini, i tassi di mortalità per madri e neonati scendevano.
Ignaz Semmelweis cercò di far capire ai suoi colleghi medici che le malattie sono causate da piccoli agenti invisibili che vengono chiamati germi e che la soluzione per limitare i contagi è lavarsi le mani. Semmelweis ebbe molte difficoltà a convincere i colleghi medici delle sue scoperte. Per questo motivo venne licenziato e, infine, internato in un ospedale psichiatrico dove fu contagiato da un ceppo mortale di batteri. Tuttavia, anche se non furono riconosciute a suo tempo, oggi le sue affermazioni sono viste come il primo passo del nostro lungo e ancora incompleto viaggio verso la comprensione della vera natura del nostro complesso rapporto con i batteri.

“La pulizia è vicino alla pietà …”
Una volta che ci si rese conto che c’erano queste entità minuscole che, anche se incredibilmente piccole, potevano farci molto male, iniziò una vera e propria guerra. Siamo stati indottrinati a credere, come spesso accade in guerra, che il nemico è pericoloso, cattivo, e il male e l’unica cosa con cui possiamo rispondere.

Con questa idea di igiene, le famiglie iniziarono a correre ai ripari usando detergenti antibatterici per tutto, dalla casa ai loro corpi.
Quando nel 1980 i tassi di allergie e altre condizioni immunologiche cominciarono a manifestarsi, David Strachan propose  l’ipotesi dell’igiene come una possibile spiegazione all’accaduto. L’ipotesi igiene suggeriva che le malattie che stavano diventando sempre più diffuse nella società moderna, erano state il ​​risultato di infezioni che prevenivano da pratiche igieniche. Strachan scoprì che le infezioni infantili aiutavano ad innescare il sistema immunitario e che il declino delle infezioni era la causa dell’l’aumento di disturbi del sistema immunitario correlato. Tuttavia, gli studi successivi dimostrarono che la quantità di infezioni di una persona nella sua infanzia non sviluppava alcun effetto sullo sviluppo di patologie immunitarie correlate.

” La natura insegna alle bestie a riconoscere gli amici.”  William Shakespeare
Nel 2003 la teoria è stata rivista come ‘The Old Friends ipotesi’. L’ipotesi afferma che il distacco progressivo della specie umana dall’ambiente microbiologico naturale potrebbe determinare una mancata immunomodulazione nel corso dell’età evolutiva, con conseguente alterazione delle normali risposte immunitarie e con la possibilità dell’insorgenza in alcuni  individui all’insorgenza di malattie croniche quali: sclerosi multipla, morbo di Crohn, diabete mellito di tipo 1. Poiché più del 90% dell’ evoluzione umana ha avuto luogo nei ruoli di cacciatori e raccoglitori, e in contesti agricoli, profondamente immersi nel mondo naturale completamente sterile, abbiamo sviluppato un rapporto simbiotico con i batteri nel nostro ambiente.

Attualmente siamo alle prese con tentativi eccessivamente ambiziosi, di sterilizzare ambienti come gli ospedali Questo ha portato alla creazione di superbatteri. I superbatteri sono batteri che hanno sviluppato una resistenza ai prodotti che usiamo per sradicarli.

Stiamo arrivando a capire che ci saranno sempre sia i batteri buoni che cattivi, ma in un sistema sano i buoni superano i cattivi e i cattivi si tengono sotto controllo. Quindi, piuttosto che cercare di sradicare i batteri, la soluzione è lavorare con loro e creare ambienti che promuovono quelli che lavorano in armonia con i nostri sistemi.

Vivere in ambienti umani e densi rende l’igiene una necessità al fine di mantenere uno standard di salute accettabile. Tuttavia, ciò che è interessante è che sembra che ancora una volta la natura potrebbe essere la chiave per la nostra salute. Gli studi hanno trovato che a causa della complessa composizione chimica di antibiotici naturali e disinfettanti, i batteri non sono in grado di sviluppare una resistenza nella loro evoluzione.

Più comprendiamo il nostro mondo più ci avviciniamo a capire quanto sia straordinario e sorprendente. L’equilibrio in natura è delicato. A causa dell’incredibile interconnessione tra tutto nel nostro ambiente, e ogni volta che noi esseri umani cerchiamo di avere l’equilibrio a nostro favore, finiamo per causare più male che bene, non solo a noi stessi, ma per il pianeta nel suo complesso. Invece di cercare di manipolare, sostituire e superare la natura, sarebbe più saggio guardare alla natura come un’insegnante per connettersi e imparare.

gatto bimba

Tutti i bambini hanno un’affinità innata con la natura. Questo studio insieme a molti altri dimostra che è qualcosa che deve essere incoraggiato. Ovviamente la maggior parte delle persone non faranno il cambiamento drastico di rinunciare al loro stile di vita attuale e di cominciare a vivere in una fattoria. Tuttavia è consigliato avere degli animali domestici come gatti e cani, che forniscono un certo livello di protezione.
Anche le aziende organiche aprono le porte al pubblico per fornire l’opportunità ai bambini di far uscire la loro inclinazione naturale di interagire con gli animali.

In definitiva sembra che sia arrivato il momento di smettere di avere paura dei “germi” ed imparare a coltivare un amore basato, sul rispetto dei nostri minuscoli amici.

 

 

 

 

 

In questa sezione riportiamo una serie di libri consigliati per la propria crescita personale. Cliccandoci potrai acquistarli direttamente ai prezzi migliori del web.

Risveglio, Fisica Quantistica, Legge d'Attrazione

 

PNL Programmazione Neuro Linguistica

 

Denaro e Mentalità Finanziaria

 

Salute e Guarigione



Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.

Pin It on Pinterest